Raccoglie un sasso pensando sia una pepita d’oro e invece è un raro meteorite

Fonte: TuttoNews; The Courier

È accaduto in Australia e si tratta di un’inaspettata e interessante scoperta.

Raccontiamo oggi l’esperienza fortunata di un uomo in Australia che ha fatto una casuale e interessante scoperta: si chiama David Hole e un giorno andando, armato di metal detector, a fare un giro nel Parco Regionale di Maryborough alla ricerca di pepite d’oro, visto che quella terra in passato fu setacciata proprio dai cercatori d’oro.

Luogo della Scoperta del Meteorite

Il metal detector dell’uomo a un certo punto ha iniziato a suonare in corrispondenza di un sasso rossastro ricoperto da uno strato di argilla. Convinto di aver trovato qualcosa di prezioso, Hole ha raccolto quella strana pietra per poi scoprire che non si trattava affatto un masso contenente oro al suo interno.

Pensando che fosse così, però, Hole ha provato a spaccare il sasso con il martello, poi con il trapano, una smerigliatrice e persino dell’acido, ma su quella pietra non è comparsa nemmeno una crepa.

“Che diavolo è questa cosa?”, Pensò Hole. La risposta, però, non poteva arrivare da chi conosce solo il materiale di questa nostra Terra.

Si era imbattuto in questa grande roccia rossastra mentre cercava l’oro vicino a Maryborough, dove abita. Era estremamente pesante, molto più pesante di quanto sembrasse, il metal detector suonava bene quindi il signor Hole ha pensato che ci potesse essere una pepita all’interno.

Si era sbagliato. Questa non era una pepita. Conteneva qualcosa di molto più raro dell’oro: le gocce di pioggia metalliche dagli albori del nostro sistema solare.

Alla fine l’uomo si è rivolto al Museo di Geologia di Melbourne e ha scoperto qualcosa di incredibile: quel sasso in realtà era un raro meteorite che ha lasciato lo studioso che lo ha esaminato a bocca aperta.

Dr Bill Burch, senior curator emeritus e Dermot Henry, head of sciences al Museums Victoria. Credits: SIM SCHLUTER

Il geologo Dermot Henry, infatti, ha spiegato che solo due volte in tutta la sua carriera, compresa questa, ha avuto la fortuna di esaminare un meteorite simile. È stato chiamato Maryborough, pesa 17 kg e si pensa abbia 4,6 miliardi di anni: sembra inoltre che provenga dalla fascia di asteroidi tra Marte e Giove e che sia finito sulla Terra dopo essere stato colpito da un altro meteorite, probabilmente tra i 100 e i 1000 anni fa, almeno secondo quanto suggerisce la datazione al carbonio. Per aprirlo i geologi hanno dovuto utilizzare una punta di diamante e hanno scoperto che contiene vari minerali metallici ma soprattutto un’alta concentrazione di ferro. Per puro caso, insomma, David Hole ha scoperto il secondo meteorite più grande per massa mai ritrovato, dopo quello di 55 chili rinvenuto nel 2013.

E voi? Avete mai trovato un meteorite andando in ricerca con un Metal Detector? Di certo sarebbe una scoperta sensazionale!

Francesco Manzella – Federazione Italiana Metal Detecting

Scrivi un commento

Visualizza tutti i commenti