La Lituania entra a far parte dell’ECMD – ITA/ENG

Siamo lieti di annunciare l’arrivo di un nuovo membro del Consiglio Europeo per il Metal Detecting: il “MINK – “Metalo Ieškiklių Naudotojų Klubas, che all’interno dell’ECMD rappresenterà la Lituania. Li accogliamo molto calorosamente!

Il MINK è attualmente l’organizzazione più grande e più attiva di detectoristi responsabili in Lituania.
Il club è stato costituito nel 2012 e le sue attività principali sono indagini archeologiche, recupero oggetti smarriti a livello nazionale (tra il 2012 e il 2018 oltre cento anelli, orecchini, chiavi, telefoni e altri oggetti sono stati recuperati su terra e acqua e restituiti ai loro proprietari) organizzazioni di raduni, conferenze sull’archeologia e sul metal detecting oltre a numerose pubblicazioni.

La prima indagine archeologica su larga scala si è svolta nel 2015-2016, quando per tre giorni i membri del MINK hanno effettuato una rilevazione su un area di oltre 60 ettari, cercando di localizzare il sito del campo di battaglia di Saule. La battaglia di Saule fu combattuta il 22 settembre 1236, tra i fratelli “Livonian of the Sword” e la tribù lituana di “Samogitian”. Fu la prima sconfitta su vasta scala subita dagli ordini dei cavalieri militari nelle terre baltiche. Gli archeologi, guidati dal dott. Gintautas Zabiela, hanno registrato oltre 300 reperti, tra cui il fodero di spada in bronzo, gioielli in bronzo e asce da battaglia in ferro. Nonostante il fatto che il luogo esatto della battaglia non è stato trovato, la metodologia di rilevamento dei campi di battaglia usando metal detector e dati sui reperti è stata pubblicata in un libro. All’inizio della primavera del 2017 uno dei membri del MINK si è imbattuto casualmente in un luogo di sepoltura precedentemente sconosciuto nella parte meridionale della Lituania. Il dipartimento dei beni culturali e archeologi sono stati immediatamente informati di questa scoperta. Poco più tardi la squadra dei membri del MINK, guidata dall’archeologo Olegas Fediajevas, ha recuperato dai terreni arati vari manufatti in bronzo, risalenti al 3 ° -4 °. secolo d.C. La sepoltura scoperta è stata aggiunta alla lista dei monumenti culturali protetti dallo stato. Nell’ottobre 2017, la più grande operazione con metal detector nei paesi baltici si è svolto nel sito del complesso fortificato storico di Medvegalis. Oltre 90 detectoristi, 11 archeologi e gruppi di supporto hanno scandagliato un’area di oltre 30 ettari. La fortezza di Medvegal fu menzionata per la prima volta in testi scritti nel 1316 ed era una delle fortezze lituane più importanti della zona. Fu attaccata dai Cavalieri Teutonici più di 20 volte nel corso della storia, incluso il famigerato assedio nel 1329, quando le forze unite dell’Ordine Teutonico e Giovanni di Lussemburgo, re di Boemia (alias John the Blind), assaltarono e bruciarono il forte. Secondo gli archeologi frammenti di fibule di bronzo, spilli e bracciali potrebbero portare alla localizzazione di un luogo di sepoltura precedentemente sconosciuto che fortunatamente non è stato intaccato dall’aratura dei campi. La punta di lancia di ferro, la punta di freccia e parte della lama della spada, potrebbero provenire dal combattimento contro l’Ordine Teutonico. Nell’aprile 2018 i membri del MINK hanno individuato il forte di Medvegalis e il vicino fortino di Bilionys. Guidati dall’archeologo Gintautas Zabiela, i detectoristi hanno recuperato monete romane, gioielli in bronzo, punte di freccia, punte di lancia e barre d’argento di tipo scandinavo. L’individuazione dei ritrovamenti ha supportato l’ipotesi delle estese rotte commerciali dell’ambra dal Baltico all’Impero Romano.

Il MINK collabora attivamente con il Dipartimento lituano per i Beni e le Attività Culturali di Archeologia in lituania, promuovendo l’idea di un metal detecting responsabile. Siamo molto felici di accettarli come nuovi membri dell’ECMD e auguriamo loro tanti successi in futuro! L’organizzazione può essere contattata direttamente tramite il loro sito Web: http://www.ieskotojas.lt/ o il loro profilo Facebook: https://www.facebook.com/KlubasMINK/

ENG Version

A new member in the European Council for Metal Detecting is MINK – „Metalo Ieškiklių Naudotojų Klubas“, who within ECMD will represent Lithuania. We welcome them very warmly!

MINK is currently the biggest and most active organisation of responsible detectorists in Lithuania.
Club was formed in 2012 and its main activities are archaeological surveys, nationwide lost and found service (between 2012 and 2018 over one hundred rings, earrings, keys, phones and other items were recovered on land and water and returned to their owners) and educational activities such as detecting rallies, conferences on archaeology and metal detecting, and publishing.

First large scale archaeological survey took place in 2015 – 2016, when during three days, MINK members searched the area of over 60 hectares, seeking to locate the site of the battlefield of Saule. Battle of Saule was fought on 22 September 1236, between the Livonian Brothers of the Sword and Lithuanian Samogitian tribe. It was the earliest large scale defeat suffered by the military knights orders in the Baltic lands. Archaeologists, lead by Dr. Gintautas Zabiela, recorded over 300 finds, including bronze sword scabbard chape, bronze jewellery and iron battleaxe. Despite the fact that the exact place of battle wasn’t found, methodology of surveying battle fields using metal detectors and data about finds was published in a book form. In the early spring of 2017 one of MINK members accidentally stumbled on previously unknown burial site in southern part of Lithuania. Department of Cultural Heritage and archaeologists were immediately informed about this discovery. Few moths later team of MINK members, lead by archaeologist Olegas Fediajevas, recovered from ploughed land various bronze artefacts, dating to 3rd – 4th. century AD. Discovered burial site was added to the list of state protected cultural monuments. In October 2017, the biggest metal detecting survey in the Baltic countries took place at the site of historical Medvegalis hill fort complex. Over 90 detectorists, 11 archaeologists and supporting team searched an area of over 30 hectares. Medvegalis fort was first mentioned in written texts in 1316 and was one of the most important and strongest Lithuanian forts in the area. It was attacked by the Teutonic Knights over 20 times throughout history, including the notorious siege in 1329, when joined forces of Teutonic Order and John of Luxemburg, king of Bohemia (aka John the Blind), stormed and burned the fort. According to archaeologists fragments of bronze fibula, pin and bracelet might lead to locating previously unknown burial site that luckily was not disturbed by ploughing. Iron spearhead, arrowhead and part of sword blade, might have come from the time of fighting against Teutonic Order. In April 2018 MINK members detected once more Medvegalis hill fort and nearby Bilionys hill fort. Lead by archaeologist Gintautas Zabiela detectorists recovered Roman coins, bronze jewellery, arrowheads, spearheads and Scandinavian type silver bar. Detecting finds supported hypothesis about extended amber trading routes from Baltic to Roman Empire.

MINK actively collaborates with Lithuanian Department of Cultural Heritage and Society of
Lithuanian Archaeology, promoting the idea of responsible metal detecting. We are very happy to accept them as new members of ECMD and wish them lots of successes in the future! The organisation can be contacted directly via their website: http://www.ieskotojas.lt/ or their Facebook profile: https://www.facebook.com/KlubasMINK/

Fonte: https://ecmd.eu/lithuania-joins-ecmd/

Traduzione a cura di Francesco Manzella – Federazione Italiana Metal Detecting

Scrivi un commento

Visualizza tutti i commenti